Il SSN: livelli di governo e politiche

3.5. Le attività bilaterali di collaborazione sanitaria

Negli ultimi anni, il Ministero della salute ha intensificato i rapporti con altri Paesi stipulando e attuando accordi bilaterali di collaborazione sanitaria. Nel biennio 2012-2013, le attività bilaterali si sono focalizzate sulle aree geografiche considerate prioritarie. La collaborazione con la Repubblica Popolare Cinese si è ulteriormente sviluppata al fine di confrontare i rispettivi sistemi sanitari nazionali e fornire un modello per l’attuazione della riforma sanitaria cinese. Sono stati inoltre stipulati due Memorandum d’Intesa (il primo inerente al campo dei controlli di prodotti alimentari, farmaceutici, dispositivi medici e prodotti cosmetici; il secondo a quello dei trapianti d’organo).

È stato finalizzato un Memorandum d’Intesa con la Federazione Russa per la collaborazione in settori in cui l’Italia ha una posizione predominante.

Nell’area mediterranea, la collaborazione bilaterale ha riguardato principalmente Malta, la Tunisia e la Libia e ha visto un ruolo di primo piano delle Regioni, in particolare Lazio, Lombardia, Toscana e Umbria.

L’accordo bilaterale con la Tunisia è stato implementato con iniziative nel campo della prevenzione, della promozione degli stili di vita, della protezione della salute materno-infantile, dell’ematologia e della salute ambientale.

Con la Libia è stato avviato un programma per l’assistenza a feriti e pazienti affetti da HIV/AIDS.

Con il Messico è stato finalizzato un Memorandum d’Intesa per la collaborazione nel settore delle tecnologie sanitarie e della prevenzione.

Il Ministero partecipa, inoltre, al programma di cooperazione tecnica, finanziato dall’Unione Europea (UE), Eurosocial II.

Con la Liberia è stata firmata una dichiarazione congiunta che individua tre aree di collaborazione: potenziamento dei servizi sanitari, formazione del personale e prevenzione dell’infezione HIV/AIDS.

È stato infine siglato un importante Memorandum d’Intesa con la Repubblica di San Marino.



TAG: Collaborazioni internazionaliSanità internazionale