Il SSN: livelli di governo e politiche

1.2. Prevenzione

La governance del sistema richiede che il SSN non solo migliori il livello di tutela della salute della popolazione facendo leva sulle risorse che gli sono proprie (personale, strutture, tecnologie, attività), ma si faccia promotore dell’integrazione delle politiche intersettoriali al fine di agire positivamente sui determinanti della salute e del benessere.

La governance della prevenzione evidentemente rispecchia gli assetti fondamentali della governance del sistema sanitario con alcune peculiarità:

  • il ruolo del Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie (CCM), mediante le proprie “azioni centrali”;
  • la funzione di promozione di partnership con gli stakeholders che assume un significato strategico specifico per la prevenzione in ragione dell’“intersettorialità” della genesi del rischio di ammalarsi;
  • la pianificazione stessa, soprattutto nel meccanismo di lavoro integrato Stato-Regioni per la compilazione del Piano Nazionale della Prevenzione e dei meccanismi di valutazione inerenti la certificazione ai fini della verifica degli adempimenti LEA (Livelli essenziali di assistenza).

La prevenzione ha potuto contribuire in modo significativo al miglioramento della governance di sistema. Ciò è stato possibile per il concorrere di due elementi: l’impegno ad avere e rendere fruibili sistemi informativi prevalentemente orientati al monitoraggio degli effetti sulla salute degli interventi e l’attenzione alla valutazione del raggiungimento degli outcome.



TAG: Governo clinicoPrevenzione




Versione integrale della sezione
"Il SSN: livelli di governo e politiche"

Scarica il PDFScarica il PDF

Sfoglia HTMLSfoglia HTML