Sei in: Home > Le risposte del SSN > 4. Le reti ospedaliere > 4.1. Riorganizzazione delle reti ospedaliere

Le risposte del SSN

4.1. Riorganizzazione delle reti ospedaliere

La riorganizzazione della rete ospedaliera e la ridefinizione dei nodi della rete di emergenza e accettazione (DEA) hanno favorito lo sviluppo di un modello organizzativo, con specifico percorso clinico, per i pazienti in situazioni di emergenza cardiologica (SCA), neurovascolare (ictus) e traumatica. L’esito di tali patologie è strettamente dipendente dai tempi e dalle modalità con cui viene svolto l’intervento sanitario. Infatti, una risposta tempestiva e appropriata dell’intervento deve prevedere un’adeguata integrazione tra il sistema di emergenza-urgenza territoriale e le strutture ospedaliere, con le diverse specialità cliniche, articolate secondo il modello Hub & Spoke. Allo stato attuale tutte le Regioni hanno individuato una rete per ciascuna di queste patologie tempo-dipendenti, anche se la loro realizzazione sul territorio nazionale non è ancora uniforme.

L’analisi dei dati rilevati dalle SDO, relativamente a tali patologie, ha permesso di confermare la difformità presente tra una Regione e l’altra in relazione all’attivazione delle reti.



TAG: Emergenza-urgenzaMalattie del sistema circolatorioOspedaliScheda di dimissione ospedaliera (SDO)