Sei in: Home > Le risposte del SSN > 7. La prevenzione in sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare > 7.14. Farmacosorveglianza veterinaria e antibioticoresistenza

Le risposte del SSN

7.14. Farmacosorveglianza veterinaria e antibioticoresistenza

L’impiego razionale dei medicinali veterinari garantisce la tutela della salute pubblica assicurando, tra l’altro, un corretto utilizzo degli antibiotici. L’uso improprio dei medicinali veterinari, e in particolare degli antibiotici negli animali da reddito, comporta notevoli rischi per la salute pubblica, per la presenza di residui farmacologici negli alimenti di origine animale e la propagazione di microrganismi resistenti. Inoltre, diffonde e sviluppa sia negli animali sia nell’uomo una resistenza agli antibiotici, limitandone l’efficacia. A tale riguardo le ASL vigilano sugli allevamenti e sugli operatori coinvolti nella distribuzione e impiego del medicinale veterinario secondo frequenze minime stabilite, effettuando controlli sull’utilizzo degli antibiotici. Tale sistema è stato implementato con l’istituzione del Nucleo nazionale di farmacosorveglianza. Presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lazio e Toscana è attivo, inoltre, il Centro di referenza nazionale (CNR) per l’antibioticoresistenza.

Il Ministero della salute, per garantire un uso responsabile del farmaco nelle produzioni zootecniche e negli animali da compagnia, ha adottato numerose iniziative, tra cui le avvertenze specifiche nei foglietti illustrativi, la diffusione di opuscoli e la creazione di pagine web, il manuale “Biosicurezza e uso corretto e razionale degli antibiotici in zootecnia“, le “Linee guida per la predisposizione, effettuazione e gestione dei controlli sulla distribuzione e l’impiego dei medicinali veterinari”, la collaborazione con le associazioni dei produttori per l’elaborazione di piani volontari di riduzione dell’impiego degli antibiotici nelle produzioni zootecniche, la pubblicazione dei dati di vendita degli antibiotici nel settore veterinario e lo sviluppo di un sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari. Le azioni intraprese hanno fatto registrare nel biennio 2010-2011 una riduzione del 14% delle vendite di medicinali contenenti antibiotici.



TAG: AntibioticiVeterinari