Sei in: Home > Le risposte del SSN > 7. La prevenzione in sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare > 7.2. Istituti Zooprofilattici Sperimentali

Le risposte del SSN

7.2. Istituti Zooprofilattici Sperimentali

Parte integrante del SSN con competenze relative alla sicurezza degli alimenti destinati al consumo umano, alla sanità del patrimonio zootecnico nazionale, del benessere degli animali e attività di ricerca nei settori di loro competenza, gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS), Enti sanitari di diritto pubblico, rappresentano con la loro distribuzione sul territorio nazionale una rete di laboratori che costituisce il fondamentale strumento operativo che assicura al Paese i servizi tecnico-scientifici necessari per garantirne la sicurezza degli alimenti e delle produzioni animali.

È possibile affermare che la rete degli IZS, al servizio dello Stato e delle Regioni, rappresenta il necessario anello di congiunzione tra la tutela dei consumatori e lo sviluppo di un sistema produttivo agroalimentare e zootecnico all’avanguardia. Tale considerazione risulta fondamentale per l’Italia, che fonda parte importante del successo economico delle proprie imprese agroalimentari sulla capacità di trasformare materie prime in prodotti di alto pregio qualitativo, da collocare sui mercati di Paesi terzi che richiedono elevate garanzie di sicurezza alimentare. La capacità di assicurare alti livelli di sicurezza delle filiere produttive, quindi, diventa non solo elemento determinante per la sicurezza dei consumatori, ma anche per lo sviluppo economico.

A fronte delle esperienze e del valore scientifico maturati negli anni dagli IZS, Organizzazioni internazionali, quali l’Office Internationale des Epizooties (OIE), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e la Food and Agricolture Organization (FAO), hanno riconosciuto presso alcuni Istituti Zooprofilattici propri Centri di Collaborazione e laboratori di riferimento.

La normativa nazionale prevede inoltre l’istituzione, presso gli IZS, di Centri di Referenza Nazionali considerati quali strumenti operativi di elevata e provata competenza che svolge attività specialistiche nei settori della sanità animale, dell’igiene degli alimenti e dell’igiene zootecnica.

L’organizzazione della sanità veterinaria si è da ultimo dotata di 3 nuovi centri di referenza istituiti con decreto del Ministro della salute:

  • Centro di Referenza Nazionale per le indagini biologiche sugli anabolizzanti animali presso l’IZS del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta;
  • Centro di Referenza Nazionale per i rischi emergenti in sicurezza alimentare presso l’IZS della Lombardia ed Emilia Romagna;
  • Centro di Referenza Nazionale per l’igiene urbana e le emergenze non epidemiche presso l’IZS dell’Abruzzo e del Molise.



TAG: Sicurezza alimentareVeterinari