Sei in: Home > Le risposte del SSN > 1. Piani e Programmi nazionali di tutela della salute > 1.6. Piano Nazionale per l’Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita 2010-2015

Le risposte del SSN

1.6. Piano Nazionale per l’Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita 2010-2015

L’eliminazione di morbillo, rosolia e rosolia congenita è una priorità di sanità pubblica per l’Europa e l’Italia. La Commissione Regionale Europea dell’OMS, nel 2010, ha posticipato al 2015 la data prevista per il raggiungimento dell’obiettivo di eliminazione. In Italia, il 23 marzo 2011 è stato approvato il “Piano Nazionale per l’Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) 2010-2015”, che ha spostato gli obiettivi di eliminazione del morbillo e la prevenzione dei casi di rosolia congenita al 2015 e introdotto l’obiettivo di eliminazione della rosolia.

Nel corso del 2013 sono state condotte importanti attività correlate al PNEMoRc: l’Italia ha ospitato un incontro dei Paesi dell’area mediterranea, organizzato con OMS-Europa ed ECDC, per favorire il confronto sulle maggiori criticità incontrate nel percorso verso l’eliminazione e lo scambio di esperienze e possibili soluzioni; è stata avviata, a livello nazionale, una sorveglianza integrata di morbillo e rosolia; sono state aggiornate le indicazioni per la sorveglianza e il follow-up dei casi di rosolia in gravidanza e rosolia congenita; due indicatori, tra quelli monitorati a livello europeo nel processo di verifica dell’eliminazione, sono stati introdotti, quali indicatori di performance del PNEMoRc, nell’adempimento U) “prevenzione”, dei LEA.

I dati relativi al periodo considerato indicano che il morbillo ha ancora un impatto di salute elevato e continuano a verificarsi casi di rosolia congenita. Purtroppo, le coperture vaccinali per MPR non sono ottimali, pertanto sono presenti sacche di persone suscettibili al morbillo, soprattutto tra gli adolescenti e i giovani adulti. Per quanto riguarda la rosolia congenita, i dati indicano che sono molte le occasioni perse per lo screening pre-concezionale e per la vaccinazione delle donne in età fertile suscettibili. Pertanto, è prioritario mettere in atto, in maniera uniforme in tutte le Regioni, le strategie proposte nel Piano, per raggiungere gli obiettivi fissati.



TAG: MorbilloPiani sanitariRosolia