Sei in: Home > Qualità del sistema > 4. Risorse finanziarie ordinarie e aggiuntive > 4.4. Investimenti pubblici in sanità

Qualità del sistema

4.4. Investimenti pubblici in sanità

Le politiche di programmazione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio strutturale e tecnologico del SSN hanno seguito strettamente l’andamento delle politiche generali di riqualificazione dell’offerta assistenziale, ampliando gli obiettivi inizialmente individuati dal legislatore, con l’art. 20 della legge n. 67/1988. La legge n. 67/1988 autorizzava un programma pluriennale di investimenti di 30.000 miliardi di lire, pari a 15.494 Meuro articolato in più fasi. Le risorse sono state incrementate elevando a complessivi 24 miliardi di euro. La prima fase del programma ha avuto termine nel 1996, con l’autorizzazione a spendere la somma complessiva di 4.855 Meuro. La seconda fase, avviata nel 1998, ha finalizzato l’attuazione di un programma specifico per il completamento di strutture iniziate e per interventi volti alla messa in sicurezza pari a 1.291 Meuro. Per Accordi di programma sono state destinate risorse pari a 15.286 Meuro. Al 31 dicembre 2013 risultano sottoscritti n. 68 Accordi di Programma dal Ministero e dalle Regioni e Province Autonome per un importo pari a 10.206 Meuro. Al 31 dicembre 2013 è risultato appaltabile circa l’89,9% delle risorse impegnate in Accordi sottoscritti ed è stata autorizzata la spesa per circa 9.171 Meuro. Nove Regioni hanno richiesto il finanziamento del 100% delle risorse sottoscritte, 7 Regioni oltre l’80%, cinque Regioni hanno richiesto il finanziamento di oltre il 50%. Altra specifica linea di finanziamento, avviata nel 2012 e in corso di realizzazione, è il programma, di cui all’art. 3-ter decreto legge n. 211/2011 convertito dalla legge n. 9/2012, “Interventi urgenti per il contrasto della tensione detentiva determinata dal sovraffollamento delle carceri”. Con decreto interministeriale 28 dicembre 2012 sono state ripartite alle Regioni risorse pari a € 173.807.991,00 per la realizzazione e riconversione delle strutture sanitarie extraospedaliere per il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari. Nel corso del 2013, con specifici DM si è proceduto all’assegnazione delle somme necessarie per l’espletamento del programma. Per le Province Autonome di Trento e di Bolzano si applicano le disposizioni di cui all’art. 2, comma 109, legge n. 191/2009.



TAG: Risorse economiche