Sei in: Home > I determinanti della salute > 1. Ambiente > 1.3. Acqua

I determinanti della salute

1.3. Acqua

Nel biennio 2012-2013 si registra un miglioramento dell’efficienza, del controllo e dell’informazione nei servizi idrici, ma persistono criticità per molte infrastrutture, in particolare per perdite di rete e servizi di depurazione.

I monitoraggi sulla qualità delle acque destinate al consumo umano evidenziano una generale rispondenza ai requisiti normativi (D.Lgs. 31/2001 e s.m.i.), con un limitato tasso di non conformità. Contaminazioni naturali di acquiferi da arsenico, boro e fluoro sono state risolte ricorrendo a un regime di terza deroga, che tuttavia, nel caso di alcune aree del Lazio, non è risultato nel completamento delle azioni di rientro previste, per cui, in base a specifiche analisi di rischio, sono state applicate rigorose limitazioni d’uso delle acque. Non conformità circostanziate per territorio e durata hanno riguardato parametri indicatori, sottoprodotti di disinfezione o inquinanti di origine antropica, tra cui tri- e tetracloroetilene, nitrati e pesticidi. In linea con i dati europei, le criticità per la qualità delle acque erogate e per l’efficienza dei servizi in Italia hanno riguardato in percentuale significativamente più elevata i piccoli sistemi di fornitura idrica che servono meno di 5.000 abitanti.

Diverse azioni hanno riguardato la sicurezza e l’informazione su dispositivi di trattamento delle acque potabili in ambito domestico e pubblici esercizi in seguito all’emanazione del DM n. 25/2012.

Specifica attenzione è stata anche rivolta ai rischi per parametri emergenti tra cui cianobatteri e cianotossine e all’informazione sul rischio da cessione da piombo da reti domestiche.

Nel biennio in esame è infine proseguito l’impegno a livello nazionale ed europeo per la ridefinizione e il potenziamento delle strategie di prevenzione applicate alla filiera-idropotabile, secondo il modello water safety plan, e i lavori di revisione della disciplina degli impianti natatori e della normativa su prodotti e materiali in contatto con le acque potabili.



TAG: Acqua potabileAmbienteInquinamento